L’anno che tra poco più di un mese ci apprestiamo a salutare porta con sé due importanti anniversari per il mondo della moda e riguardano entrambi il famosissimo tubino nero. Diversi sondaggi, tra cui quello lanciato nel 2007 dal Daily Mail hanno decretato che per la maggior parte delle donne è il capo più importante della storia della moda! Una grande consacrazione per un abito che fin dalla sua nascita è diventato celebre grazie ad una delle riviste di moda più famose e autorevoli di tutti i tempi.

Nato per essere controcorrente

Come tutti o quasi sanno è stata Coco Chanel a creare e lanciare il primo tubino nero nella storia. Sapete quando? Ben 95 anni fa, nel 1926. Chiamato dalla stilista francese “la petite robe noire” ovvero l’abitino nero, appare per la prima volta sulle pagine di Vogue America nell’ottobre di quell’anno. Il magazine lo definisce con grande lungimiranza “il vestito che tutte le donne indosseranno”. L’abito nero proposto da Chanel irrompe sulla scena della moda dell’epoca in aperto contrasto con i dettami vigenti che vogliono la donna vestita con colori accesi e dettagli lussuosi. L’abito è semplice, con maniche lunghe e piccole pieghe sul davanti, a vita bassa come vuole la tendenza del momento, senza ricami, piume o strass. Anche il colore è dirompente perché il nero si usa ancora solo per gli abiti da lutto e non è ritenuto opportuno sceglierlo per altre occasioni.

Il primo tubino nero presentato da Coco Chanel e apparso sul numero di ottobre del 1926

Il tubino nero di Chanel pubblicato sul numero di ottobre del 1926 di Vogue America

Il trionfo della semplicità

Inutile ricordare che il successo è clamoroso! Tutte vogliono indossare quell’abito e chi ha disponibilità economica corre ad ordinarlo presso l’atelier di Chanel a Parigi mentre chi non può permetterselo cerca di realizzarlo con i propri mezzi. La stilista ha tratto ispirazione dai grembiuli indossati durante gli anni trascorsi in collegio e che tanta influenza avranno sul suo lavoro e di conseguenza sulla moda femminile dei decenni a venire.

Coco Chanel fuma una sigaretta indossa un abito nero, cappello nero, collana di perle a più fili e bracciali

Coco Chanel, anni Trenta. Da Pinterest

Colazione da Tiffany

Quest’anno cade anche un altro importante anniversario nella storia del tubino nero. Nell’autunno del 1961 esce “Colazione da Tiffany“, film di Blake Edwards con Audrey Hepburn nel ruolo della protagonista Holly Golightly. Famosissima è la scena iniziale del film in cui la Hepburn fa colazione con un croissant davanti alle vetrine di Tiffany sulla Fifth Avenue a New York indossando un bellissimo tubino nero questa volta lungo fino alle caviglie. Si tratta di una creazione di Hubert de Givenchy, couturier francese e grande amico dell’attrice, che dalla metà degli anni Cinquanta firma la maggior parte degli outfit cinematografici, e non solo, della Hepburn.

Audrey Hepburn indossa il tubino nero con lunghi guanti neri, collana di perle e grandi occhiali da sole nel film "Colazione da Tiffany"

Audrey Hepburn nella scena iniziale di “Colazione da Tiffany”, 1961. Da Pinterest

Particolari di un successo senza fine

Il tubino nero è realizzato in raso italiano, è senza maniche e con una scollatura posteriore sulle spalle. L’esile figura dell’attrice esalta la linea asciutta dell’abito che ha un’eleganza senza tempo, praticamente inalterata dopo 60 anni. L’outfit è completato da un paio di lunghi guanti neri e una collana di perle a più giri e diventa il protagonista anche delle locandine pubblicitarie del film. Un grandissimo successo per Audrey Hepburn e per il tubino nero! Viene quasi naturale chiedersi: se la parte fosse andata a Marilyn Monroe, come desiderava Truman Capote autore del romanzo, come sarebbero andate le cose? Avrebbe indossato anche lei un tubino nero nella scena d’apertura del film? Avrebbe avuto un successo altrettanto grande? Chissà…

Marilyn Monroe seduta con una tazzina in mano indossa un tubino nero con inserto trasparente e guanti bianchi

Marilyn Monroe indossa un tubino nero con inserto trasparente e guanti bianchi, 1956. Da Pinterest

Nei suoi 95 anni di storia il tubino nero si è adattato ai cambiamenti della moda e della società, accorciando o allungando di volta in volta l’orlo, rendendo più generosa la scollatura o vestendosi di altri colori o materiali senza mai tradire il suo stile inconfondibile. Con la sua semplicità e la sua eleganza ha reso generazioni di donne più sicure del loro fascino e della loro bellezza e siamo sicuri che la sua sarà una storia ancora molto lunga!