La ricerca e la scoperta di tesori del passato sono in grado di aggiungere un pizzico di unicità e di eleganza alla vita di ogni giorno

C’è chi ne è un appassionato e chi invece ne ha fatto il proprio lavoro: tutto ciò che è vintage, dalla moda alla fotografia dall’arredamento al make up e alle acconciature, viene riscoperto e valorizzato da un pubblico sempre crescente. Numerosi sono i negozi che vendono abiti e accessori vintage, in tutta Italia si moltiplicano i mercatini dedicati agli abiti, ai bijoux e agli oggetti dei decenni passati, sempre maggiori sono gli eventi e i locali ispirati a determinate epoche, come ad esempio agli anni ’50 o ’70. Perché tutto questo interesse? Sicuramente il passato ha un suo grande fascino: la vita era più lenta, le cose come anche gli avvenimenti, non venivano consumati alla grande velocità odierna, la produzione era più attenta e curata. Ritrovare oggi un abito oppure un bracciale di 50 o 60 anni fa permette di scoprire l’attenzione ai dettagli, la scelta dei materiali, l’originalità delle forme e la ricerca dietro ogni capo o accessorio. Le cose erano fatte per durare anni, a volte anche decenni.

Cosa vuol dire vintage? Il concetto è ben diverso dal classico “di seconda mano”. Si definisce vintage un abito, un accessorio, un oggetto o un veicolo che abbia più di 20 anni e che abbia segnato l’epoca della sua produzione diventando iconico. Ne sono un esempio la borsa Jackie di Gucci, disegnata negli anni ’50 ma ribattezzata nel decennio successivo con il nome della moglie di Onassis che amava sfoggiarla, la famosa borsetta Bagonghi di Roberta di Camerino o il tailleur in tweed di Chanel. Pezzi iconici e dal fascino intramontabile che vengono sempre ricercati dagli appassionati di moda vintage e che ciclicamente vengono riproposti, anche in chiave più contemporanea, dalle case di moda che li hanno prodotti all’epoca.

Tailleur Chanel, primi anni ’60
Borsetta Bagonghi, Roberta di Camerino, anni ’50

In un periodo storico caratterizzato dall’abbigliamento sportivo, come si spiega il grande interesse per la moda vintage? Probabilmente il desiderio di riprendere abiti e oggetti di anni lontani nasce come reazione allo stile “libero” e alle proposte dei marchi del fast fashion che rendono il look di quest’epoca piuttosto riconoscibile. Non è detto che si debba cambiare radicalmente il proprio guardaroba per adattarlo alla passione per la moda dei decenni passati. Si può scegliere di adottare un total look vintage, ad esempio per un’occasione speciale, oppure decidere di aggiungere all’abbigliamento contemporaneo un accessorio di un’altra epoca come una borsa o un bijou. Il tocco di originalità e di eleganza è assicurato!